E’ un “finalmente”, dal profondo del cuore quello che dice Danilo Curzi, sorridente, nell’anno che segna il ritorno di Idee per Viaggiare ad uno stand in presenza.
Una presenza forte, compatta di un gruppo coesa, del “clan IpV” così definito, da alcuni, nell’accezione “scozzese”, per cui positiva, in senso di grande famiglia.

Ed è una delle tappo obbligate del tour a TTG Travel Experience, per riprendere contatto con un operatore che ha un peso specifico nell’imaginario commerciale degli adv.

Così Danilo Curzi co fondatore e ceo di Idee per Viaggiare, si (ri)presenta alla stampa improntato alla comunicazione digitale, sociale con un occhio alle novità di prodotto.

«Lo scorso anno abbiamo dovuto drasticamente cambiare, in maniera inaspettata ed imposta dalla pandemia – dice Curzi – le regole. Dissi  “Plaudo alla capacità di adattamento di molti to, che hanno compreso il momento e sono venuti incontro alle esigenze del cliente. Oggi c’è la richiesta di sicurezza e flessibilità“. E noi ci siamo preparati proprio a questo».

idee per viaggiare

E dalle parole i fatti.

«Siamo qui per sostenere tutta la filiera con il nostro contributo – prosegue il ceo di Idee per Viaggiare – per reincontrare il mercato, nostro e non, ma con un’ottica differente dal passato, dove era quasi un obbligo. Vogliamo dare il nostro contributo alla ripresa, perché ci deve essere la ripresa, come abbiamo fatto non arrendendoci e proseguendo a lavorare anche in tempi di chiusura, forzata, quando comunque una quarantina di persone al giorno erano presenti in azienda».

Ed esperiti i convenevoli del bel ritrovarsi, le novità nel quadro della tradizione sempre innovativa del to, per esempio quest’anno improntato al gioco di parole fra “schemi” e “scheRmi“…
Idee per Viaggiare non ha mai cessato di pensare e di partorire “idee”, portando a compimento importanti progetti.

«Abbiamo ridisegnato, rimodellato, rifatto il nuovo sito, dotandolo di più chiavi d’accesso, anche emozionali, nel quale è possibile navigare non solo per mete, aree, attività, ma anche per quanto si voglia “portare a casa” dalla vacanza, con un taglio che risponde persino con un grado di identità nei confronti dei desideri del passeggero».

E dopo averci pensato e lavorato a lungo, ecco il lancio del prodotto Italia. «Non potevamo vendere Italia per riempire i vuoti esteri – prosegue Curzi – abbiamo esplorato, ricercato, testato, visto, provato quello che proponiamo ed oggi, i tempi sono maturi per il lancio de  ‘Lanostrabellaitalia’, un prodotto di qualità come è nella nostra tradizione di proposte, che prevede esperienze, prima di tutto, per scoprire lati insoliti e meno noti del nostro Bel paese. Non è né esclusiva né elitaria né lussuosa: è quello che si adatta ad ogni desiderio, perché le soluzioni variano fra 3 e 4 notti, con il solo comun denominatore di non essere basate solo sulla sistemazione ma su quello che si potrà avere in termini di esperienza per completare il soggiorno. Il tutto reperibile sul nuovo sito curato da un team dedicato».

idee per viaggiare




E poi, dopo un lungo studio, ecco l’ultima novità in tema di programmazione, il Sud America, frutto dell’entrata nella grande famiglia di Idee per Viaggiare di una squadra molto specializzata proveniente da un operatore che ha cessato l’operatività su Roma, per poter proporre con grande esperienza e conoscenza tour in Argentina, Cile, Perù e Bolivia.

«Abbiamo programmazioni, ora – conclude Curzi – su circa 35 destinazioni. Ma non chiamateci generalisti, termine spesso distorto. Il nostro fine è di allargare con ponderazione ma costanza il nostro raggio d’azione sfruttando solamente la nostra esperienza nel programmare solamente ciò che conosciamo in maniera approfondita ed esaustiva, come ad esempio il fenomeno mediatico di questo periodo, l’Expo a Dubai, una destinazione che da oltre 20 anni è la nostra ciliegina sulla torta, che ci piace sempre proporre seguendo e precedendo le incredibili “idee” che gli Emirati mettono sul campo».

Franco Gatttinoni, Sergio Testi, Mario Vercesi, Isabella Gatti, insomma i vertici del network, chiamano a raccolta gli agenti e presentano “La grande innovazione”.

Si tratta del lancio del portale Gattinoni Travel.it e dei siti e-commerce dedicati alle agenzie di viaggio, operativi dal prossimo.

«Lo scenario degli ultimi 18 mesi ha cambiato tutte le regole del gioco – ha spiegato Franco Gattinoni – i consumatori hanno imparato ad acquistare on line beni e servizi, a ricevere risposte e proposte a colpi di click in modo totale e immediato. Non è, e non sarà più sufficiente muoversi nello spazio fisico del luogo di lavoro e per quanto accogliente e bello, è ormai imperante essere presenti con strumenti e competenze in tutti i punti di ipotetico contatto off line o on line. Digitale e fisico devono imparare a convivere».

Per rendere tutto ciò possibile, Gattinoni, in questi lunghi mesi di blocco forzato, ha continuato a dedicare importanti investimenti (si parla di 5 milioni di euro) in tecnologia novità.

Ed ecco nascere gattinonitravel.it un portale B2B2C, che riunisce tutti i prodotti del Gruppo (selezione dei migliori Tour Operator, Selected, Dynamic, Travel Experience) per colpire  il consumatore finale, sempre passando attraverso le agenzie del network.

Gattinoni
Franco Gattinoni

Il tutto passa per la trasformazione dei siti delle agenzie, anche se già esistenti, che diventeranno a tutti gli effetti siti di e-commerce, grazie alla possibilità offerta dal

network di raggiungere, e vendere anche on line, il consumatore con il proprio marchio affiancato a quello del network.

I siti avranno un restyling basato su un layout fresco e pulito, presenteranno una home page ricca di sezioni che saranno gestibili dalla sede (offerte in primo piano, cataloghi e temi) e box personalizzabili dall’agenzia (i loro speciali, banner). Ogni sito sarà poi collegato alla piattaforma di prenotazione Gattinoni per la parte di prodotto e acquisto. Solo al click su una proposta di viaggio già filtrata, l’utente ricadrà in una landing page dove avrà la possibilità di personalizzazione/acquisto/salvataggio del preventivo.

Da anni Gattinoni lavora affinché le agenzie del network si differenzino in ogni modo; dal network ricevono più prodotto, più diversificazione, più servizi e più strumenti.

MULA: tutto è pronto per la Borsa del Turismo del Centro Italia, che coinvolge Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo

La piccola Treia, in provincia di Macerata ospiterà la terza edizione della Borsa del Turismo del Centro Italia “spalmata” su due weekend per la massima promozione e valorizzazione di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Da queste regioni l’acronimo MULA.
L’evento di quest’anno gode del patrocinio e sostegno di Comune di Treia e della Regione Marche.

La progettualità originaria era stata pensata per ridare ossigeno alle zone colpite dal terremoto. Oggi trova  una rinnovata e grande attualità, vista la necessità di una ripresa post-pandemica imperante.
E’ quindi un’occasione importante per fare sistema e capire assieme agli operatori la giusta via da intraprendere per creare nuove opportunità di ripresa.

Le attività vedranno il 15,16 e 17 ottobre, nel primo weekend, la stampa nazionale ed
estera
in “press tour” per poter scoprire Treia e, più in generale, tutte le aree che appartengono al progetto. 

«Sarà un momento importante per far conoscere le Marche e l’area del sisma, dai borghi ai centri più grandi, fissando il focus sul turismo esperienziale (cammini – bike) sull’artigianato, l’enogastronomia per cui questi luoghi hanno una naturale predisposizione – spiega Federico Scaramucci, presidente di Inside Marche Live, l’associazione dei dmc e fornitori di servizi marchigiani che promuove l’iniziativa e che rappresenta oggi una trentina di aziende nella regione – Mostrare un territorio, farne parlare, poterlo far scoprire, rientra nelle nostre attività ed è fondamentale per far conoscere le nostre Marche».

MULA

Nel week end successivo, 21-22-23-24 ottobre sarà, invece, dato spazio ai tour operator nazionali ed esteri.  Sempre attraverso un educational tour e un incontro dedicato al business verrà visitata Treia e saranno presentate le eccellenze delle quattro regioni coinvolte, grazie a importanti momenti di confronto attraverso tavole rotonde che permetteranno di affrontare temi importanti per una valorizzazione e promozione coordinata e coerente dell’area di interesse: dalle attività outdoor, alle strategie per il futuro per cui saranno coinvolte le scuole e le Università per interagire con le giovani generazioni, da eventi culturali in rete ad attività promozionali.  Insomma spunti e idee concrete per valorizzare Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo.

«Il progetto, arriva alla III edizione e vuole valorizzare le tipicità settoriali legate al mondo del turismo e
dell’agro-alimentare – afferma il sindaco di Treia, Franco Capponi – Si vuole lavorare per diffondere un’immagine dell’area in linea con la sua identità, costruendo una rete attiva tra gli operatori locali dell’offerta e i diversi pubblici interessati (stakeholders)».

Il tutto viene realizzato con l’obiettivo di uno sviluppo economico ed occupazionale delle strutture
dell’accoglienza, della ristorazione, dell’agro-alimentare.
Si punta, insomma sulle tipicità, sulla qualità delle materie prime, sull’integrazione delle economie locali in un contesto più ampio capace di creare un appeal verso un turismo di qualità che aiuti a rilanciare un’area che ha sofferto prima per eventi naturali, poi pandemici.

MULA e il suo progetto contribuiscono, in tal modo, all’obiettivo generale di rilanciare l’economia dei territori colpiti dal sisma e poi dalla pandemia, grazie anche a questo evento annuale che permette un incontro concreto tra
offerta (dei territori delle quattro regioni) e la domanda da parte di operatori del settore dei viaggi organizzati nazionali e internazionali.
Non è nemmeno nascosto l’obiettivo di una focalizzazione su una zona turistica del centro Italia che ha tantissimo da offrire, non solo per il turismo domestico ma per quello internazionale che ricerca proprio questa tipologia di offerta.

Ad oggi il turismo non è fatto solo di portali di prenotazione che, seppur importanti, non permettono di avere lo stesso rapporto umano e certo non lo stesso servizio che invece sono garantiti dagli operatori del settore che possono promuovere un’area importante puntando a una promozione territoriale destagionalizzata con la garanzia di sicurezza e professionalità.




SI è aperta in questi minuti l’edizione n 58 (!)di TTG Travel Experience, il momento più alto e connettivo del turismo nazionale, alla Fiera di Rimini.


Alle 12, nella Hall Sud, vi sarà l’inaugurazione ufficiale con i saluti introduttivi di Lorenzo Cagnoni, presidente di Italian Exhibition Group SpA, Jamil Sadegholvaad, sindaco di Rimini, e Andrea Corsini, assessore al turismo della Regione Emilia Romagna. Poi un talk show condotto da Simona Ventura con Massimo Garavaglia, Ministro del turismo, Giorgio Palmucci, presidente di ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, Fabio Lazzerini, Chief Executive Officer ITA – Italia Trasporto Aereo e Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi a nobilitare il parterre di TTG.

Nel primo intervento riminese del ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, all’Hospitality day svoltosi ieri, egli ha rimarcato che: «Il 2021 chiuderà con un incremento del 6%, mentre abbiamo già in cassa un 4% per il 2022, ma quello che si pone di fronte a noi è un bivio. E’ un rimbalzo o una crescita strutturale? Dipende da noi, dal recovery plan che deve essere più di un piano».

L’obiettivo di Garavaglia, presente anche a TTG, è agire per uno sviluppo consolidato “che superi l’asfittica media degli ultimi anni” «Abbiamo tutto, siamo un paese desiderato  – ha proseguito – e questa è un’enorme opportunità che si deve sfruttare con un buon marketing e più organizzazione per recuperare le quote di mercato erose da chi è stato più bravo».

Il settore ha a disposizione 2,4 miliardi di fondi diretti e circa 2 sono destinati ad opere di ristrutturazione del sistema ricettivo, che con l’effetto leva si porta a 4 miliardi.  E poi ci sono gli strumenti finanziari che sta proponendo, il tutto perché questo arresto che abbiamo vissuto non sia uno stop finale ma una fermata intermedia.

Una “fiera” completa, che vede anche SIA Hospitality Design eSUN Beach&Outddor Style che rappresenta il più importante marketplace in Italia e, siamo certi, questa edizione riaccenderà i motori del turismo italiano e internazionale

TTG

La manifestazione 2021 conterrà oltre 200 eventi con più di 250 speaker distribuiti nelle nove arene per i tre giorni di manifestazione, ila cui ispirazione darà la Vision 2021 “Be Confident, tema che viene declinato su quattro pilastri, Fiducia nella vita, persone, natura e futuro attraverso un nuovo racconto dell’esperienza di viaggio, affidato per questa edizione, principalmente a voci femminili.

Segnali di ripresa, soprattutto guardando i numeri: 700 i buyer provenienti da oltre 40 Paesi esteri (62% dall’Europa e 38% dai Paesi extra europei)parteciperanno ai business meeting per incrociare domanda e offerta; mentre sono una trentina i Paesi esteri presenti con il loro stand nei padiglioni di The World.

TTG

La manifestazione riminese, diretta erede delle “storiche” TTG Stresa” e “TTG Riva del Garda”,si è affermata negli anni, dopo l’ingresso in IEG Spa come “LA” manifestazione di settore e lo dimostra la presenza delle più rappresentative Associazioni di Categoria, delle Regioni, di ENIT, Federalberghi, del Consiglio Nazionale delle Ricerche e Politecnico, del Touring Club Italiano.
E ancora per TTG Travel Experience  Legambiente con l’Oscar dell’Ecoturismo, Confturismo per la ripresa del settore, SISTUR – Società Italiana di Scienze del Turismo in un talk con l’innovazione e la sostenibilità del settore, ISNART – Istituto Nazionale Ricerche Turistiche con la ricerca sull’impiego femminile nella filiera e FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano con le città, i borghi e le ville del patrimonio italiano.

Per il 70° anniversario di SIA Hospitality Design, i concept delle quattro mostre raccontano l’innovazione e l’evoluzione dell’hotel con le maggiori firme dell’architettura Made in Italy. Presenti i docenti del POLI.Design di Milano nella Design Arena con speech sul valore degli spazi e dell’arredo.

Anche per SUN Beach&Outdoor Style, giunto alla sua 39ª edizione, un programma ricco di novità per gli operatori dell’outdoor, stabilimenti balneari e campeggi, tra cui FAITA – Federcamping. Festeggiamenti anche per SIB – Sindacato Italiano Balneari che celebra i 60 anni di rappresentanza imprenditoriale alla fiera di Rimini.

TTG Travel ExperienceSIA Hospitality Design e SUN Beach&Outdoor Style, si tengono in contemporanea con Superfaces Lite, inedito marketplace sui materiali innovativi per l’interior, il design e l’architettura.

TTG

Come tutte le manifestazioni e gli eventi di IEG, anche TTG, SIA, SUN e SUPERFACES si svolgeranno in massima sicurezza, grazie all’applicazione del protocollo#SAFEBUSINESS by IEG e l’accreditamento GBAC STAR™, il programma globale di certificazione degli standard internazionali di pulizia, sanificazione e prevenzione dei rischi infettivi per il personale gli ambienti fieristici.

Ci vediamo là?

Roberta Garibaldi, Professore di Tourism Management all’Università degli Studi di Bergamo, è il nuovo amministratore delegato di ENIT.

Da più di 20 anni si occupa in maniera professionale di turismo, nell’ambito accademico e istituzionale.
La sua attività si svolge nei campi della ricerca, formazione e consulenza, seguendo progetti applicati per lo sviluppo delle destinazioni e delle reti di turismo in Italia e nel mondo.

È autrice di numerosi libri e articoli scientifici e, da diversi anni, si è dedicata, in particolare, al turismo enogastronomico, curando il Rapporto Annuale sul Turismo Enogastronomico Italiano.

E’ relatore ai principali convegni a livello mondiale, da Unwto – agenzia per il turismo delle Nazioni Unite- al World Economic Forum di Davos. È componente di molteplici comitati scientifici ed associazioni nazionali ed internazionali.

La professoressa Garibaldi sostituisce il dottor Giuseppe Albeggiani in qualità di amministratore delegato di Enit-Agenzia nazionale del turismo, du designazione del Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia.

Alla scoperta de la Vaude, una regione piena di meraviglie, capace di offrire qualcosa ad ogni visitatore

Se c’è un cantone che raccoglie tutte le peculiarità della Svizzera, beh, questo è il canton de Vaude. E’ qui che troverete le incantevoli Alpi svizzere, le città lacustri come Losanna (la capitale), Montreux, i grandi spazi dello Jura e il fascino della campagna. E poi cucina prelibata, vini superbi e tanto outdoor da praticare.

Vaude

Se volessimo dare degli spunti potremmo parlare del Museo Olimpico di Losanna, dove lo scibile sui giochi è conservato ed esposto con cimeli e ricordi senza tempo, affacciato sul Lago e imperdibile.

Di Montreux la città del festival jazz, ormai identificata con il museo dedicato ai Queen e Freddy Mercury la cui statua campeggia sul lungolago, e il suo casinò.

Dei vigneti a terrazza di Lavaux, orgoglio de la Vaude, dal 2007 patrimonio dell’Umanità, che offrono oltre al nobile nettare passeggiate in bici e a piedi, o la visione sui trenini Lavaux Express o Lavaux Panoramic.

Della navigazione sul lago di Ginevra, offerta dalla storica compagnia di navigazione GNC (Compagnie Gènéral de Navigation) che propone, fra i 18 splendidi battelli, ben 8 “setamboat” in perfetto stile belle epoque.

O del museo dedicato a Charlie Chaplin, 3mila metri quadrati dedicati al genio di Charlot con esposizioni, filmati, multimedia per dare la gioia di conoscere questo grande artista a tutte le generazioni.

Insomma tanto da fare e vedere nel cantone di Vaude.

VAude
La statua di Freddy Mercury, lungo lago, Montreux

L’accessibilità alla regione è garantita dal più ampio sistema di trasporti interconnessi, lo Swiss Travel System (STS) che attraverso il sistema dello Swiss Travel Pass, un abbonamento acquistabile per 4, 8, 15, 22 o 30 giorni, consente di approfittare in totale libertà di ogni mezzo pubblico e garantisce anche l’accesso a 500 attrazioni fra musei e altro. E dove non è possibile entrare gratis, grandi sconti sul biglietto. Tutto questo per offrire una mobilità dolce e priva di pensieri, per la quintessenza della proverbiale puntualità Svizzera.

Ma tanti possono essere i temi e gli angoli visuali per scoprire il cantone di Vaud.

Vaude
Losanna, “Le Flon”

Se siete appassionati di design, a Losanna, il quartiere di Le Flon fa per voi. Si tratta dell’anima pulsante della città, un esempio vivente di come un’area post industriale possa essere trasformata, ridisegnata, riadattata, ristrutturata per dare vita ad un “quartiere contemporaneo”. Gli artefici di questo capolavoro hanno miscelato la dolce mobilità alle attività attrattive, mettendo le attività commerciali presenti nella zona pedonale, circondata da edifici per uffici, aree pubbliche, cinema, locali…

Sempre a Losanna verrà finalmente attivato, dopo l’inaugurazione poco prima della pandemia,  il nuovo distretto “Plateforme 10”, che contiene una galassia di attrazioni culturali. Il Museo cantonale delle Belle Arti, l’Elysee museum of photography, il MUDAC (museum of design and applied arts) come la rilocazione della Thomas Pauli e Fplix Vallotton foundation sono il fulcro del nuovo quartiere, dove sono aboliti i confini fra di essi.

Voglia di outdoor? Serviti!

Vaude

La regione del lago di Ginevra offre circa 3mila km di sentieri perfettamente segnalati e si presenta come un vero paradiso dell’hiking dal Lago allo Jura alle Alpi, con panorami spettacolari fra vigneti e campagna, collina e montagna.

Percorsi a tema, da fare in uno o più giorni sono un’offerta  molto valida, per i camminatori, ma anche i desideri di chi ama le due ruote, muscolari o assistite, da strada o mtb saranno esauditi.

Non a casa proprio qui risiede l’Unione Ciclistica Internazionale, e la regione è perfetta per darsi alla bicicletta in ogni sua forma.

Vaude
La piazza centrale della città vecchia

Un’altra avventura da non perdere è la pittoresca ascesa alla cima Rochers de Naye, con un trenino a cremagliera, che parte dalle rive del lago di Ginevra e sale per oltre 1600 metri attraverso pascoli, villaggi, foreste, regalando quadri impressionisti ad ogni curva. Una volta in cima, si può visitare il giardino alpino “La Rambertia” che propone una collezione di oltre 100 piante alpine, oppure andarle a cercare, sui tanti sentieri, da per sé.
Il trenino funziona tutto l’ano e per natale sulla cima a 2.042  metri vi trovate anche Babbo Natale.

Vaude
Tagliere di salumi de La Ferme Vaudoise

Qualche buon consiglio su dove soddisfare l’appetito

L’assioma è che dovunque tu vada, mangi benissimo. Variano le cucine ma il comun denominatore è l’attenzione alla qualità. Se però volete stare sul sicuro un paio di suggerimenti non possono mancare, per ottimizzare in questo angolo di Svizzera francofona. Qui a Losanna, non può mancare un brunch al TOM Cafè, all’interno del Museo Olimpico, mentre per le cene uno dei più celebrati ristoranti tradizionali è la Brasserie de Montbenon, come pure il Cafè de Grancy. Se scendete dalla visita alla Cathedral de Notre Dame de Lausanne, allora una sosta d’obigo per una degustazione è La Ferme Vaudoise una salumeria al centro cittadino.

IN GIORDANIA CON KARISMA TRAVELNET

11 Ott 2021 In: Uncategorized

Fam Trip Karisma Travelnet in Giordania con 16 agenti di viaggio

Fam Trip Karisma Travelnet in Giordania con 16 agenti di viaggio quasi per festeggiare la riapertura delle frontiere con questo splendido paese amico dell’Italia. In collaborazione con Jordan Tourism Board e Royal Jordanian il gruppo di agenti di viaggio ha potuto attraversare il paese da nord a sud visitando i luoghi di maggior interesse quali Jerash, Amman, I castelli, Petra, Wadi Rum, Aqaba, Mar Morto, Madaba e Monte Nebo.

Il viaggio non solo è servito a togliere un po’ di ruggine agli agenti di viaggio ma a scoprire le misure di prevenzioni covid che in pratica sono come quelle applicate nel nostro paese. Mascherina nei luoghi chiusi e affollati, distanziamento sociale e buffet servito nei ristoranti le principali misure adottate nelle strutture turistiche. Ad Amman non è mancata la presentazione dello staff che collabora con Karisma Travelnet e la nuova programmazione che include anche dei tour fuori dal comune per chi ama un contatto più diretto con la natura. “E’ stata per tutti noi un’emozione poter ricominciare a fare il nostro lavoro” ha commentato Luca Manchi.

Da: KarismaTravelNet

Per altri articoli: clicca qui

La Grecia che piace a Fabio Cianci, ceo di Jambo Group

Fabio Cianci, ceo di Jambo group ci racconta in poche parole la sua Grecia quella splendida meta che troppo viene identificata come mare, isole, Atene, Meteora, senza tenere conto della bellezza di altre zone totalmente da scoprire e che possono offrire infinite varietà di vacanza attiva, enogastronomia eccellente, e mille altre sorprese.
Jambo group propone oltre la Grecia, Messico e Guatemala, Egitto e Mar Rosso, USA e poi Eventi Sportivi.

È finalmente possibile visitare le splendide isole dell’Oceano Indiano anche per turismo

Le Seychelles hanno riaperto le frontiere al turismo internazionale e questa apertura anche da parte del Governo italiano era una notizia da tempo attesa per ricominciare a lavorare anche con l’amato mercato italiano.

I viaggi per turismo si svolgono secondo specifiche misure di sicurezza sanitaria, con permanenza in strutture ricettive certificate, e tamponi di controllo all’andata e al rientro.

Per approfittare dei “corridoi” bisognerà necessariamente avere il Green Pass (vaccinazione o guarigione) e affidarsi agli operatori di settore per l’organizzazione del viaggio.

Cade così anche  ogni obbligo di quarantena o isolamento fiduciario al ritorno dal viaggio. Ma solo se, all’imbarco per il rientro, si presenterà il risultato negativo di un ulteriore test fatto 48 ore prima del viaggio. Altra condizione necessaria è quella di sottoporsi, all’arrivo in aeroporto in Italia, ad un nuovo tampone. Queste regole sono valide sia per i voli diretti verso le mete di vacanza che per quelli che fanno scali intermedi.

«Le Seychelles sono felici di accogliere i turisti italiani per trascorrere una vacanza all’insegna del relax e vivere un’esperienza indimenticabile in totale sicurezza – ha dichiarato Danielle Di Gianvito Marketing Representative Seychelles Tourism in Italia – Le Seychelles hanno lavorato costantemente a stretto contatto con strutture ricettive, compagnie aeree e tour operator per sviluppare e preparare l’accoglienza dei turisti internazionali e finalmente anche di quelli italiani che tanto amano questa meravigliosa destinazione.

Regole per l’accesso

I viaggiatori in arrivo dovranno effettuare non oltre le 48 ore dalla partenza un tampone molecolare (PCR test) avente esito negativo e compilare la “Health Travel Authorisation” sul seguente sito: www.seychelles.govtas.com (procedura a pagamento). Il risultato del test e la “Health Travel Authorisation” verranno richiesti dalla compagnia aerea al momento del check-in e senza di essi potrà essere negato l’imbarco. È altresì obbligatoria la stipula di un’assicurazione sanitaria COVID-19 che copra eventuali costi di quarantena e trattamenti medici. E’ necessario il Green Pass. I viaggiatori potranno alloggiare solamente all’interno di strutture autorizzate che siano alberghi, guest house, appartamenti o imbarcazioni e non è previsto alcun periodo di isolamento o quarantena. Se il soggiorno supera i sette giorni è previsto un tampone di controllo a metà soggiorno. Massimo 48 ore dal rientro si dovrà effettuare un tampone antigenico o molecolare con esito negativo e sottoporsi a nuovo controllo all’arrivo in aeroporto in Italia.

Fonte : Ufficio Stampa Seychelles Tourism Board in Italia

seychellestravel

http://Ministero della Salute delle Seychelles e il Focus Coronavirus.www.seychelles.travel

Idee ed itinerari in Nord Europa


Dopo un’estate in cui, grazie al MOLISE, new enrty della programmazione di Easyweeks, il movimento verso la piccola regione, una delle prime zone bianche in Italia ha dato risultati apprezzabili, il Nord Europa di Easyweeks, si conferma una roccaforte in crescita soprattutto qualitativa dell’offerta.

«Ci presentiamo a Rimini puntando sul nostro prodotto invernale, decisamente molto curato che ci piace presentare con proposte insolite e non banali come idee di itinerario improntate sul Food in Norvegia – spiega Gianna FORLASTRO, managing director del to – Saremo ospiti dello stand “Norvegia e Islanda” al padiglione C1 stand 33/48. Questo conferma la nostra stretta collaborazione con quelle destinazioni che abbiamo eletto a prodotto da privilegiare fra quelli che proponiamo, come ad esempio il Portogallo».

Proprio dal Portogallo grazie alla collaborazione con TAP le linee aeree portoghesi, Visit Portugal e Visit Porto & Nord Easyweeks, ha appena concluso un viaggio di familiarizzazione con una serie di agenti “consolidati” al fine di proporre un prodotto sempre più “personalizzato” nell’area Lusitana di Porto e valle del Douro.

«Le nostre proposte prevedono prima di tutto un “Nord Europa Aperto e Sicuro” – prosegue FORLASTRO – estremamente curato che ci ha dato nel 2021, per quel che si è potuto viaggiare, grandi soddisfazioni, per la vendita dei pacchetti Islanda, Norvegia, Finlandia, Danimarca e Svezia. Abbiamo raggiunto una confidenza con la destinazione, che curiamo dal 2011, anno di inizio della nostra attività con il marchio Easyweeks,  (ma che conosciamo per le esperienze pregresse da oltre 20 anni), e la sua programmazione, oltre ad una grande confidenza con gli enti del turismo, i dmc e fornitori diretti, che ci consente di proporre programmi accurati, al meglio, a prezzi eccellenti per la qualità dei servizi proposti e per le attività che inseriamo, assolutamente modulabili».

Il design dei tour si basa su due principali direttrici: tour esperienziali e sostenibili, per dare al viaggiatore la dimensione del luogo che visiterò attraverso le esperienze che lo caratterizzano nel totale e completo rispetto dell’ambiente e delle culture e tradizioni.

Manila Salvatelli & Gianna Forlastro

«Naturalmente siamo molto attenti ai processi di ingresso – aggiunge Manila SALVATELLI, amministratore delegato del tour operator – In nord Europa si può andare, ma solo se in possesso di Green Pass, il certificato digitale dell’UE per Covid (EUDCC), riconosciuto come prova della vaccinazione completa o della guarigione. Esistono certamente  protocolli, ma non così macchinosi, limitanti e demotivanti, come per altre destinazioni fuori UE e Schengen».

Quindi per tutti coloro che saranno interessati a conoscere le nuove proposte di Easyweeks appuntamento
a Rimini, fra pochi giorni.


Video









Cerca

Categorie

Archivio