...attendere...
INDIA - INFORMAZIONI UTILI
Formalità di ingresso: Passaporto necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell'arrivo. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l'Ambasciata dell'India a Roma o il Consolato Generale dell'India a Milano o presso il proprio Agente di viaggio. Visto di ingresso: Necessario. Per soggiorni di breve periodo (massimo 60 giorni) per turismo, affari e cure mediche, i viaggiatori possono avvalersi dell'eVisa. Tale sistema consente di fare domanda di visto direttamente online sul sito https://indianvisaonline.gov.in/evisa/Registration e di ricevere in 72 ore, a seguito del pagamento effettuato anch'esso online, una mail di autorizzazione al viaggio. Il visto vero e proprio sarà rilasciato all'arrivo in uno dei porti e aeroporti di entrata previsti a seguito della presentazione dell'autorizzazione. Prima di registrare la propria domanda online, il richiedente visto deve accertarsi che il proprio passaporto abbia almeno sei mesi di validità residua dalla data di entrata in India e due pagine bianche. All'arrivo i viaggiatori devono inoltre dimostrare di disporre di un biglietto di ritorno e risorse sufficienti a copertura del soggiorno. Non possono usufruire dell'eVisa i titolari di passaporto diplomatico o di servizio o di laissezpasser. I porti da cui è consentito l'ingresso sono: Ahmedabad, Amritsar, Bagdogra, Bengalore, Calicut, Chennai, Chandigarh, Cochin, Coimbatore, Delhi, Gaya, Goa, Guwahati, Hyderabad, Jaipur, Kolkata, Lucknow, Mangalore, Mumbai, Nagpur, Pune, Tiruchirapalli, Trivandrum, Varanasi, Cochin, Goa e Mangalore. L'uscita dal Paese può avvenire da ognuno degli Immigration Check Post autorizzati in India. Gli altri tipi di visto (o i visti di durata superiore ai 60 giorni) possono essere unicamente rilasciati dagli uffici diplomatico/consolari del Paese presenti in Italia. Il modulo di richiesta visto va compilato esclusivamente online sul sito http://www.indianvisaonline.gov.in/visa/ Formalità valutarie e doganali: somme superiori all'equivalente di 5.000 dollari USA in contanti e 10.000 dollari USA in travellers cheques sono da dichiarare alle autorità doganali all'arrivo in aeroporto, mentre per l'esportazione di oggetti di grande valore o in grandi quantità è necessario acquisire un'autorizzazione della dogana prima dell'uscita dal Paese. In India sono accettate le carta di credito, preferibilmente del circuito VISA, sia nei negozi autorizzati sia negli alberghi delle grandi città, dove sono inoltre presenti sportelli bancari automatizzati. Le Rupie indiane non sono convertibili all'estero, vige inoltre il divieto di esportazione di valuta dal Paese. Si consiglia comunque di consultare la pagina web dell'Autorità indiana per le Dogane, al già citato indirizzo web http://www.cbec.gov.in/. Apparecchiature tecniche: Si segnala che l'introduzione di apparecchiature satellitari in India è proibita e che il possesso delle stesse è soggetto a gravi sanzioni ai sensi della legislazione indiana. Analogamente, l'introduzione di rice-trasmittenti, telescopi ecc. è soggetta ad autorizzazione da parte delle Autorità. Si raccomanda di acquisire le relative informazioni dalle Autorità diplomatico-consolari indiane presenti in Italia nel caso si intenda introdurre tali apparecchi nel Paese. Si avverte che il possesso non autorizzato e' soggetto a gravi sanzioni.

Clima: Clima tropicale e subtropicale, con temperature estive che raggiungono i 48 C°. Si segnala che l'intero territorio indiano è interessato da maggio a settembre dalla stagione dei monsoni, nel corso della quale ingenti precipitazioni provocano regolarmente inondazioni e frane soprattutto in ambito rurale In India del Sud è caldo tutto l'anno. Il periodo del monsone va da maggio a giugno, ritorna poi in forma molto più leggera in ottobre. Il periodo migliore per visitare questa località va quindi da ottobre a marzo, ma sono indicati, seppur caldi e a tratti piovosi, anche i mesi di luglio agosto e settembre poiché il monsone è cessato e la natura è al suo massimo splendore. L'abbigliamento estivo con capi comodi in fibra naturale è indicato tutto l'anno. Per l'India del Nord, il Rajasthan e il Nepal (in Nepal la temperatura è solitamente di appena due o tre gradi inferiore a quella del Nord dell'India, l'altitudine massima che si raggiunge salvo sia previsto un trekking è intorno ai 1300 metri circa) il periodo migliore per una visita va da ottobre ad aprile; il monsone è presente in questa parte del subcontinente indiano da luglio a settembre. Anche durante questi mesi le diverse località sono tranquillamente visitabili, in quanto il monsone che arriva al Nord vi giunge molto blando e comporta raramente pioggia incessante, generalmente si tratta di acquazzoni di durata molto breve. Nella stagione estiva è adatto un abbigliamento come quello indicato per l'India del Sud, in quella invernale, dalla fine di ottobre alla fine di marzo, abbigliamento da mezza stagione; invernale a dicembre e gennaio. In Bhutan e Ladakh il clima è caldo di giorno d'estate, fresco la sera. Sarà quindi necessario avere indumenti leggeri e pesanti al contempo. Indicata una giacca a vento leggera e in generale abbigliamento sportivo con calzature da montagna comode, burro di cacao, occhiali da sole, crema solare ad alta protezione, cappello. Il periodo più indicato sono i mesi di giugno, settembre e la prima metà di ottobre, quando non c'è monsone ma non fa più così freddo. In estate è assolutamente indicato viaggiare in questi paesi, il monsone però potrebbe portare piogge. D'inverno il clima diventa rigido in Ladakh, freddo ma piacevole in Bhutan.

Fuso orario: + 4,30 ore rispetto all'Italia, + 3,30 quando in Italia vige l'ora legale

Salute: Nessuna vaccinazione è obbligatoria. Prima del viaggio è opportuno consultare il proprio medico o la competente ASL sulla necessità di effettuare vaccinazioni o profilassi del caso. In genere, previo parere medico, sono comunque consigliate le vaccinazioni contro: l'epatite A e B ed il richiamo antitetanico Suggeriamo di portare un scorta sufficiente di medicinali abituali. E' buona norma avere con sé anche la ricetta medica, tradotta in inglese. Evita di avere eventuali problemi in caso di necessità. Un piccolo pronto soccorso da viaggio: antifebbrili, antibiotici a largo spettro, antidolorifici, antidiarroici, disinfettanti, fermenti lattici, cerotti. Eventuali altri medicinali potranno essere consigliati dal vostro medico curante.
Alimentazione in viaggio
Le 10 regole d'oro dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per la prevenzione delle malattie che possono essere trasmesse dagli alimenti.
Molte persone che viaggiano, vanno incontro a disturbi gastroenterici, spesso non gravi e di breve durata, che si risolvono spontaneamente in pochi giorni.
E' bene precisare che non necessariamente questi piccoli disturbi dipendono dalla non salubrità dei cibi, ma spesso è solo questione di tempo. Il nostro organismo ed in particolare il nostro apparato digerente, si devono abituare ad una diversa alimentazione.
A causa di una minor efficacia delle difese immunitarie, è necessario avere qualche attenzione in più per l' alimentazione:
1) Bere soltanto acqua e bevande imbottigliate e sigillate.
2) non aggiungere ghiaccio alle bevande
3) frutta e verdure crude vanno consumate solo dopo averle sbucciate e lavate con acqua "sicura".
4) in mancanza di acqua potabile, consumarla solo dopo bollitura o con l'aggiunta di qualche disinfettante
5) consumare solo cibi ben cotti, ancora caldi
6) non consumare pesce o frutti di mare crudi o poco cotti
7) non mangiare carni crude
8) non bere latte o mangiare latticini non pastorizzati
9) non acquistare generi alimentari da venditori ambulanti
10) curare l'igiene personale, usare acqua potabile anche per lavarsi i denti, lavarsi sempre le mani prima dei pasti e dopo l'uso dei servizi igienici

Lingua: La lingua ufficiale è l'Hindi. L'inglese è molto diffuso. In Rajasthan il Rajasthani è la seconda lingua tradizionale del paese

Moneta e forme di pagamento: La moneta utilizzata è la Rupia Indiana (INR). Quasi ovunque vengono accettati anche dollari ed Euro e nei principali centri vengono accettate le più diffuse carte di credito, specie la VISA. E' possibile riconvertire le Rupie in Euro o USD ma è necessario presentare la ricevuta del cambio precedente. È vietata l'esportazione di valuta all'estero

Telefono: Prefissi: dall' ltalia 0091; per l'Italia 0039. In India non esistono cabine telefoniche pubbliche ma, ci sono molti negozi o botteghini che sono gestiti da privati. Facilmente riconoscibili da un'insegna gialle con la scritta ISD in rosso ad indicare le chiamate internazionali e STD per le chiamate interurbane. Telefonare dall'Hotel è sicuramente la soluzione più comoda ma più cara. La rete cellulare è attiva nel Paese, tuttavia i cellulari italiani sono attivi solo nelle principali città ed è pertanto consigliabile acquistare una scheda in loco. Copertura mobile, voce e dati: Aircel Cellular Ltd. GSM 900 CellOne A&N GSM 900 AirTel GSM 900/1800 BPL Mobile GSM 900 Aircel GSM 900/1800 Hutch GSM 900/1800 IDEA Cellular Limited GSM 900/1800 IdeaEscotel GSM 900 Mahanagar Telephone Nigam Ltd GSM 900 Reliance Telecom Private Ltd GSM 900 Spice Telecom GSM 900 Mobilink GSM 900/1800 Ufone GSM 900 Paktel GSM 900 Telenor Pakistan Pvt Ltd. GSM 900/1800 Warid Telecom PVT Ltd GSM 900/

Religione: La popolazione indiana è a grande maggioranza di religione induista (80,45%, corrispondente a circa 800 milioni di indiani); la seconda comunità religiosa della nazione è quella dei musulmani che assommano al 13,43% della popolazione totale dell'India. Sono presenti inoltre altre minoranze religiose: cristiani 2,34%, sikh 1,87%, buddhisti 0,77%, giainisti 0,41% e altre comunità religiose 0,65% (religioni tradizionali tribali, bahai, ebrei e parsi). I m usulmani costituiscono la maggioranza nel Jammu e Kashmir e nelle Laccadive.

Abbigliamento: Abbigliamento pratico e meglio se in fibre naturali. Da ricordare che nei templi si entra senza scarpe per cui suggeriamo di portare dei calzini. Nell'India del Nord si consiglia un abbigliamento leggero in estate e da mezza stagione in inverno. Nell'India del Sud, dove fa caldo tutto l'anno, sono preferibili capi in cotone (si consiglia di evitare i tessuti sintetici), senza dimenticare che negli alberghi, nei ristoranti, nei negozi, nelle auto, l'aria condizionata è sempre al massimo. Si raccomanda pertanto un maglioncino di cotone, un foulard. Sono sempre consigliati un cappellino, occhiali da sole, crema protettiva e repellente contro le zanzare In Nepal solitamente la temperatura è di due o tre gradi inferiore rispetto a quella del nord dell'india (se si rimane nella valle di Kathmandu). In Nepal sono necessarie scarpe comode

Fotografie e riprese: Rispetto e discrezione nel fotografare le persone, soprattutto nei luoghi di preghiera. E' buona norma chiedere sempre il permesso. In alcuni luoghi turistici bisogna pagare una piccola tassa per poter fotografare. E' sempre proibito fotografare aeroporti, luoghi militari e truppe

Corrente Elettrica: 220 volts. E' indispensabile munirsi di un adattatore universale

Gastronomia: La cucina è diversa nelle varie regioni, più classicamente vegetariana a sud, con diverse spezie e gusto piccante, meno piccante la cucina a nord e più influenzata dalle radici musulmane. Molto utilizzati pollo e montone, maiale e, a volte, anche carne bovina Tra i piatti vegetariani spiccano cereali e legumi (le lenticchie, nel famoso e diffusissimo "dhal"), così come non mancano i tanti tipi di pane, (tra i più diffusi rothi, chapati, chapuri, papadam, nan). Famosi i piatti di pesce e carne cotti a forno tandoori, marinati e speziati. Si usa molto anche il pesce e, a sud, il formaggio, spesso abbinato anche a salse e spezie. Molto usato il tofu, il riso, di cui il Tamil Nadu vanta numerosissime varianti, compresi eccellenti risi integrali. Ottima la frutta, sempre saporita.

Acquisti: Una grande varietà di prodotti artigianali: ad Agra oggetti in marmo intarsiato, a Khajuraho oggetti in bronzo, a Varanasi le sete, a Jaipur e in generale in tutto il Rajasthan le pietre preziose e i gioielli in argento. Consigliamo anche tessuti e vestiti in cachemire, pashmine dai diversi colori, pantaloni "Punjabi"e le sari. Nel sud spezie di tutti i tipi, specie. In Tibet oggetti in legno (caratteristici i tavolini ripiegabili), i tappeti usati per sellare i cavalli, trombe e incenso tibetano. In Ladakh è possibile acquistare oggetti di artigianato hymalaiano.

Mance: Dare la mancia è un'abitudine diffusa ed apprezzata. Si consiglia di munirsi di monete e banconote di piccolo taglio per i piccoli servizi e le mance. Per i tour di gruppo si suggerisce un importo di 40 € a persona da consegnare in loco alla guida che vi accompagna, che penserà a distribuirle equamente tra il personale degli hotel e ristoranti, aeroporti e stazioni ed agli autisti.

Hotels: L'orario di check – in e check out è alle 12.00 in tutti gli hotel

Camere triple e quadruple: La camere tripla e quadruple in India non esistono. Le camere triple sono camere doppia a cui viene aggiunta una branda. La dimensione della camera rimane quella di una doppia per cui lo spazio "vitale" si riduce. La sistemazione può pertanto risultare un po' scomoda quindi è necessario tenerlo presente al momento della prenotazione. In alcuni hotel per mancanza di spazio camera tripla non è possibile per cui verrà proposta la soluzione di una camera doppia ed una singola

Itinerari dei tour: gli itinerari possono subire delle variazioni, a volte anche senza preavviso, per motivi di operativi aerei, condizioni climatiche, chiusure momentanee di strade o monumenti, feste nazionali etc.

Ambasciata d’Italia a NEW DELHI:
50-E Chandra Gupta Marg
New Delhi - Chanakyapuri
New Delhi 110021
Tel. 0091-11-26114355. - Fax . 0091-11-26873889 Cellulare emergenze: +919810158737
E-mail: ambasciata.newdelhi@esteri.it